Cassepipe Compagnia è una compagnia indipendente romana fondata nel 2008 da tre neodiplomati dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica "Silvio d’Amico"Vincenzo Manna (regista e drammaturgo), Federico Brugnone (attore e regista) e Daniele Parisi (attore). Il debutto sulle scene è del 2009 con lo spettacolo Fari nella nebbia. Da allora, Cassepipe Compagnia è in costante ascesa, impegnata in lavori originali e in collaborazioni artistiche con importanti realtà teatrali del territorio romano e nazionale. Inserendosi nel solco della tradizione teatrale italiana ed europea del teatro di regia e di drammaturgia, Cassepipe Compagnia cerca di ripensare il fatto teatrale in un continuo confronto tra passato e presente, tra memoria e nuova progettualità, tra artigianalità delle varie componenti e costante ricerca di nuovi linguaggi. Numerosi i riconoscimenti ottenuti tra cui il Premio Scenario Infanzia 2010il Premio Otello Sarzi alla miglior compagnia indipendente.

Vincenzo Manna è il regista/drammaturgo di Cassepipe Compagnia. Laureato in "Stilistica e Retorica" all'Università degli Studi di Firenze, frequenta l'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica "Silvio d'Amico". Si diploma in regia nel 2009 con lo spettacolo "Fari nella nebbia", che è anche il suo debutto come drammaturgo. Artista tra i più interessanti della nuova generazione teatrale italiana, Vincenzo Manna lavora come regista e autore, sceneggiatore, traduttore e DJ. Dal 2013 è docente di Recitazione e Drammaturgia presso l'Università Link Campus di Roma. Numerosi i riconoscimenti finora ottenuti, tra cui il Premio SIAE (2010) come miglior nuovo autore italiano, assegnatogli durante il 53° Festival dei Due Mondi di Spoleto. Alcuni dei suoi testi sono pubblicati presso le case editrici "Editoria&Spettacolo" e "Titivillus". Tra i suoi lavori: "Fari nella nebbia" (2009) finalista al 50° Premio Riccione, menzione speciale della giuria; "Cani" (2010) 2° Premio Borrello per la Drammaturgia e Premio CassinoOFF 2014"Hansel e Gretel" (2010) vincitore del Premio Scenario Infanzia; "L'ultima cena" (2011) finalista al Premio Hystrio; "Giulio Cesare" (2012) traduzione per lo spettacolo selezione Globe to Globe che rappresenta l'Italia durante le manifestazioni culturali delle Olimpiadi di Londra 2012; "Inverno" (2014) di Jon Fosse, regia realizzata per ATCL e Florian Teatro Stabile di Innovazione di Pescara; "S/Z" (2015) primo studio su "Roberto Zucco" di B.M. Koltès prodotto da 369 gradi in collaborazione con Armunia Festival Inequilibrio e Carrozzerie n.o.t.; "Le mille e una notte" (2015) dramaturg del progetto Khora/Link Theatre; "Odissea" (2015) di Derek Walcott regia realizzata per Khora Teatro. 

Daniele Parisi è attore e autore comico. Si laurea in Drammaturgia e Scrittura Teatrale nel 2005 presso l'Università degli Studi Roma Tre e e nel 2008 si diploma in recitazione presso l'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica Silvio d'Amico. Durante l'Accademia è scritturato nel Street Romeo and Juliet di Giovanni Greco, ruolo Romeo, spettacolo che debutta al festival Strabenkinder di Berlino nel 2006. Nel 2008, appena diplomato in Accademia, prende parte al film di A. Aronadio Due Vite per caso, presentato al Festival del Cinema di Berlino. Lo stesso anno entra a far parte stabilmente della TKC, compagnia diretta da Massimo Chiesa, prendendo parte agli spettacoli The Kitchen di A. Wesker (2008); Nemico di Classe (2009); Piccolo gioco senza conseguenze (2009), messa in scena che debutta al 52° Festival di Spoleto. Nel 2011 debutta come autore interpretando lo spettacolo one-man show Abbasso Daniele Parisi, selezionato al Torino Fringe Festival e presentato durante il Summer Fringe di Roma. Nel 2013, scrive dirige e interpreta il suo secondo one man show Ab hoc et ab hac, spettacolo che vince il premio della Critica "Off-Art Isla de Margarita". Del 2015 il suo ultimo lavoro Inviloop.


Federico Brugnone è attore e regista. Si diploma in recitazione presso l'Accademia d'Arte Drammatica "Silvio d'Amico" e completa la sua formazione con Valerio Binasco e Carlo Cecchi. E' Oberon nel Sogno di una notte di mezza estate con la regia di Carlo Cecchi, spettacolo con cui viaggia dal 2009 al 2011 per una lunga tournée in Italia e all'estero. Maestro d'armi per La dodicesima notte e Amleto di Valentina Rosati, produzione Teatro Stabile delle Marche, lavora in televisione in fiction e film per Rai1 e Rai3 e adattamenti per la TV di testi teatrali come La festa di Spiro Scimone. Attualmente è Estragone nel Waiting for Godot dell'ATAM, Clown in Il macello di Giobbe, prima produzione del Teatro Valle Occupato, testo e regia di F. Paravidino e Antonio ne La dodicesima notte, regia di Carlo Cecchi per il Teatro Stabile delle Marche.